Ga door naar hoofdinhoud
Stap 17
We turn our attention to the top of the phone to find the much anticipated mini Kinect TrueDepth camera system! This system rallies a team of sensors to bring facial recognition to the X. Step one in this system: the flood illuminator embedded in the display blasts your face with infrared (IR) light. Next, the front-facing camera, marked in red, confirms the presence of a face.
  • We turn our attention to the top of the phone to find the much anticipated mini Kinect TrueDepth camera system! This system rallies a team of sensors to bring facial recognition to the X.

  • Step one in this system: the flood illuminator embedded in the display blasts your face with infrared (IR) light.

  • Next, the front-facing camera, marked in red, confirms the presence of a face.

  • Then the IR dot projector, far right, projects a grid of dots over your face to create a three-dimensional map.

  • Finally, the IR camera on the left reads this map, and sends the data to the phone.

  • Under the hood, the X works some seriously fast software magic to bring all these pieces together and figure out if you're you, or your evil twin.

Rivolgiamo la nostra attenzione alla parte superiore del telefono per trovare il sistema di fotocamera mini Kinect TrueDepth oggetto di tante anticipazioni! Questo sistema mette insieme una squadra di sensori per consentire il riconoscimento facciale all'X.

Primo passo in questo sistema: l'illuminatore a fascio largo integrato nel display investe la tua faccia di luce infrarossa (IR).

Nel passo successivo la fotocamera anteriore, contrassegnata in rosso, conferma la presenza di una faccia.

Poi il proiettore di punti IR, all'estrema destra, proietta una griglia di puntini sulla tua faccia per creare una mappa tridimensionale.

Infine, la fotocamera IR sulla sinistra legge questa mappa e manda i dati al telefono.

Sotto la pelle del sistema, c'è l'X che fa lavorare una magia software decisamente veloce per mettere insieme tutti i pezzi e capire se sei proprio tu oppure il tuo gemello cattivo.

Je bijdragen zijn gelicenseerd onder de open source Creative Commons licentie.